No title

303

Oggi ho visto tutto dilatato,

esteso, oblungo

in uno stato di dormiveglia

come immersa in un catino d’acqua.

Infanzia, sesso, amore, solitudine.

Uno spettacolo sfocato

nell’estremo tentativo di ricomporre

attraverso la ragione

la fotografia segreta del corpo

e dell’anima mutilata.

La scrittura ricorda, talvolta,

un gesto di cancellazione assoluta.

Così moltiplico i pensieri,

raccolgo le memorie che faticano ad estinguersi

ed inizio a correre.

Nessuno mi trattiene

ed io voglio stremarmi, sfinirmi, dissolvermi.

Si, ho ancora bisogno di riconciliarmi con le mie incertezze

attraverso occhi che rinnego.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...